Valentina e Lorenzo da El Bosque, Guatemala: AGUA

Secchi, secchielli e pentoleDiario di Valentina e Lorenzo, soci di Associazione Tatawelo e inviati di MondoSolidale in Guatemala per il progetto El Bosque.

1 Maggio 2012

AGUA

Quando si dice che l’acqua è preziosa non si dice una frase fatta…soprattutto da queste parti. Qui cade dal “chorro” (rubinetto) ogni 10-15 gg. Dal cielo a tutte le ore del giorno e della notte. Si riempie tutto quello che si trova nella casa: pentole, brocche, secchi, catini, insomma tutti i recipienti. Viso, denti, mani ci si lavano con la “cubetta” (un piccolo catino di plastica). Per la doccia: servono 3 secchi ed una pentola, si mette la pentola con l’acqua sulla stufa a calientar si riempie un secchio di acqua e ci si chiude nel bugigattolo toremar chiamato bagno, si miscela nel terzo secchio l’acqua calda e fredda. Ci si butta addosso e ci si insapona, si ripete e ci si sciacqua. Quando si fa al bagno si tira l’acqua nel water mentre la carta igienica si tira in un secchio a parte; quando il secchio è pieno e si fa un falò. Per lavare c’è la pila il trogolino in cemento si bagna la roba con la cubetta, la si insapona con una bolla di sapone colorato e la si sciacqua sempre con la cubetta…piatti e pentole idem con patate. Ci dovrebbe essere una persona incaricata dal Comune per fare arrivare l’acqua in ogni settore dell’aldea (fontanero) quello del Bosque è un vecchiaccio scorbutico.

Per navigare completamente il sito, accetta l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione vai alla Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close